Forza Italia e Lega Nord hanno deciso di mettere da parte, almeno per il momento, le divergenze e coalizzarsi per poter vincere alle prossime elezioni Regionali. Silvio Berlusconi e Matteo Salvini sono dunque riusciti a trovare un’intesa per quanto riguarda le votazioni che si terranno in alcune regioni d’Italia il prossimo 31 maggio.

Dopo tante discussioni e tira e molla, alla fine Forza Italia e Lega Nord uniranno le forze per le Regionali. A comunicarlo è stata la stessa FI con una nota. Questo patto tra i due partiti comporta dei sacrifici da parte di entrambi: quello di Berlusconi ha così deciso di appoggiare Luca Zaia come nome di punta per il centrodestra in Veneto, mentre quello di Salvini ha dovuto cedere in Liguria e sosterrà quindi l’elezione di Giovanni Toti.

Matteo Salvini ha così commentato la scelta della Lega di appoggiare il consigliere politico di Forza Italia Giovanni Toti: “Se gli alleati ci chiedono di fare un passo indietro per vincere lo facciamo. […] Ci sacrifichiamo.” Il candidato del suo partito Edoardo Rixi a questo punto si ritirerà dalla corsa per le Regionali in Liguria, per lasciare spazio al braccio destro di Berlusconi. Salvini ha però tenuto a sottolineare che “Non ci sono scambi”.

Ai giornalisti che gli hanno fatto notare che Toti non è ligure, Salvini ha replicato che Raffaella Paita, la candidata del centrosinistra alle Regionali: “È ligure, ma ha fatto più danni lei di tanti non liguri”. Per poi aggiungere che la Lega: “Punta a vincere e ad essere il primo partito. Puntiamo a raddoppiare i voti che abbiamo preso l’anno scorso”.

La decisione di appoggiare Giovanni Toti ha però creato alcuni malcontenti all’interno della base leghista. Sui social network sono arrivati alcuni commenti negativi e c’è già chi annuncia che non voterà per il candidato di FI.

Per quanto riguarda il Veneto, ci sarà il sostegno di Forza Italia a Luca Zaia, il presidente uscente, ma i due partiti hanno trovato un accordo anche in Campania, dove la Lega non presenterà suoi candidati, e per l’Umbria, dove sosteranno tutti e due il sindaco di Assisi, Claudio Ricci. La nota del partito di Silvio Berlusconi ha inoltre fatto notare che: “Nelle altre regioni Forza Italia e Lega si presenteranno indipendenti l’una dall’altra”.