Scaviamo un po’ nella nostra memoria e proviamo a rispolverare un termine sempre più in disuso nella lingua italiana:

REMINISCENZA: il ricordarsi in modo vago e impreciso di una cosa quasi dimenticata: se si desta ancora in te qualche reminiscenza del nostro incontroho del suo viso solo una nebbiosa reminiscenza. Con significato più concreto, la cosa stessa così ricordata: frugò fra le reminiscenze della sua vita militarechiamò a soccorso tutte le sue reminiscenze scolastiche.

Il termine può essere usato anche con valenza filosofica indicando un passo di un’opera letteraria  o teatrale, musicale, cinematografica, in cui l’autore riecheggia più o meno consapevolmente immagini o forme stilistiche, o anche contenuti, di altre opere: un film pieno di reminiscenze del cinema neorealisticoquesta sinfonia è tutta una raccolta di reminiscenze beethoveniane.

LINK CORRELATI:

Cosa vuol dire “ossimoro”?

Tutti pronti a “baloccarsi”

Quando un vocabolo è palindromo

Scopri il significato di “idiosincrasia”

Cosa vuol dire “dovizia”?

Alla riscoperta dell’aggettivo “adamitico”