Tira aria di scissione all’interno del Partito Democratico, ma Matteo Renzi cerca di frenare e invita tutte le forze interne a restare unite. In una nuova intervista rilasciata al Corriere della Sera, l’ex presidente del Consiglio ha lanciato un vero e proprio appello: “Faccio un appello ai dirigenti: bloccate le macchine della divisione. Non andatevene, venite. Partecipate. Le porte sono aperte, nessuno caccia nessuno. Ma un partito democratico non può andare avanti a colpi di ricatti. Apriamo le sedi dei circoli e discutiamo. E, finalmente, torniamo a parlare di Italia”.

Renzi ci tiene a ribadire: “Io voglio evitare qualsiasi scissione”. Per quanto riguarda il futuro del Pd, l’ex premier continua a spingere verso il congresso: “Se la minoranza mi dice: o congresso o scissione, io dico congresso. Ma se dopo che ho detto congresso loro dicono ‘comunque scissione’, il dubbio è che si voglia comunque rompere. Che tutto sia un pretesto. Toglieremo tutti i pretesti, tutti gli alibi. Vogliono una fase programmatica durante il congresso? Bene. Ci stiamo”.

Riguardo ai tempi per il prossimo congresso del Partito Democratico, Renzi sottolinea che non spetta a lui stabilirlo: “C’è uno statuto. Ci sono delle regole”.

Matteo Renzi è intervenuto anche a proposito della situazione politica nazionale e  internazionale: “In America c’è Trump, l’Europa rischia di sgretolarsi se vince la Le Pen, i grillini sono alti nei sondaggi nonostante gli imbarazzanti risultati di Roma, Berlusconi e Salvini sono pronti a riprendersi la scena. Domando: chi ci va dai militanti della Festa dell’Unità a spiegare perché si deve rompere il Pd?”.

Intanto a proposito di Renzi ha parlato durante un intervento ad Agorà Michele Emliano, presidente della Regione Puglia che potrebbe essere tra i candidati come nuovo segretario del Pd: “Renzi non è il leader che dà maggiore importanza al gruppo, ma dà importanza a se stesso e al suo punto di vista. È napoleonico, quindi va incontro inevitabilmente a delle Waterloo. Nel senso che cerca a tutti costi vittorie e rivincite con una spietatezza anche nei confronti di chi ha un punto di vista diverso. Questo secondo me sta pesando”.