Sebbene l’incontro fra Matteo Renzi e Guglielmo Epifani nella serata del 12 settembre sia stato definito “cordiale e disteso” dai diretti interessati, le polemiche interne al Partito democratico non si placano, anzi. Intanto non è ancora stata definita la data del congresso, in cui verrà scelto il nuovo gruppo dirigente, a partire dal segretario.

La candidatura di Matteo Renzi fa paura a molti. E le sue critiche espresse in Tv due giorni fa sul presidente del Consiglio Enrico Letta hanno dato occasione per ampie reazioni. A partire dal ministro Dario Franceschini, che pure ha appoggiato la candidatura a segretario del sindaco di Firenze: “Letta sta facendo un lavoro straordinario con autentico spirito di servizio. Come tutti noi sa che alla fine avremo sul petto più cicatrici che medaglie“.

Anche il deputato Francesco Boccia tira una stoccata a Renzi (foto by InfoPhoto): “Le dichiarazioni sul Governo non costruiscono, ma demoliscono, e non vorrei che determinassero uno sterile dibattito sulle larghe intese anziché un confronto congressuale sul ruolo del Pd in Italia che io auspico netto e chiaro“.

E ovviamente è sulla stessa linea Gianni Cuperlo, principale avversario di Renzi alla segreteria. Le critiche renziane sul premier sono: “Un giudizio che non riflette la qualità e la fatica che si è sobbarcato Letta, di cui noi e il Paese dovremmo essergli riconoscenti“.