Giovane ricercato viene arrestato forse grazie anche a Facebook. Succede negli Stati Uniti, dove un ragazzo di 23 anni avrebbe messo un “mi piace” sulla sua stessa foto segnaletica, condivisa sul social network da una pagina di Cascade County.

Il protagonista di questa vicenda, Levi Charles Reardon, è già da giorni diventato un fenomeno virale, poiché la sua storia è stata raccontata dal media di tutto il globo. Le immagini del giovane, sospettato del furto di un portafoglio e della contraffazione di alcuni assegni, sono state pubblicate su Facebook all’incirca un mese fa. La scorsa settimana, il ricercato avrebbe lasciato un “mi piace” sulle stesse condivisioni e, pur rimuovendo repentinamente l’interazione sociale, sarebbe stato arrestato lo scorso venerdì. Sembra, tuttavia, che l’arresto non sia dipeso direttamente dal social network, quanto dalle indicazioni di un anonimo, almeno secondo le dichiarazioni della pagina Crime Stoppers di Cascade County. La polizia non ha invece svelato come abbia rinvenuto l’uomo, il quale non avrebbe opposto resistenza agli agenti.

Fonti: New York Daily News, Newser