Riciclare rifiuti urbani farà risparmiare milioni di euro all’Europa. A calcolare questi grandi benefici ci pensa Althesys – società di consulenza strategica in campo ambientale – con Was – il think tank sui rifiuti e riciclo -, in vista a quello che potrebbe succedere con il raggiungimento degli obiettivi dell’UE sulla riduzione dei gas serra fissati al 2020.

Secondo quanto stimato riciclando solamente la metà dei rifiuti urbani prodotti si potrà verificare un taglio di ben 103 milioni di tonnellate di CO2 con un conseguente risparmio economico che si aggira intorno ai 643 milioni di euro.

Per quanto riguarda l’Italia, invece, il Bel Paese potrebbe ridurre i gas serra del 2,5% attraverso il solo riciclo dei rifiuti e secondo l’amministratore delegato di Alyhesys, Alessandro Marangoni, la sola gestione di questi (ovvero il recupero e il riciclo rispetto alla discarica), potrebbe permettere un taglio delle emissioni di anidride carbonica di circa 10 milioni di tonnellate l’anno, su un totale di 453 milioni. ”In Italia nel 2013 il riciclo dei rifiuti urbani ha permesso di evitare più di 9 milioni tonnellate equivalenti di anidride carbonica” ha dichiarato Marangon, continuando, “In termini economici, calcolando il costo delle emissioni di gas serra ai prezzi attuali del mercato europeo delle emissioni (Ets), si tratterebbe di un risparmio di 56 milioni di euro. Ma se la stima viene fatta utilizzando i valori della carbon tax britannica il risparmio è di 183 milioni di euro”. Negli stessi dati sono presenti anche delle ipotesi per riuscire a diminuire le pesanti emissioni di gas serra anche in Lima e Perù.

photo credit: monastereo via photopin cc