Botta e risposta tra il Movimento 5 Stelle e il Pd intorno alla gestione dei rifiuti a Roma.

A dare il via allo scambio di accuse il richiamo dell’assessore regionale all’Ambiente e Rifiuti Mauro Buschini, che durante l’ultima riunione ha parlato dell’amministrazione della questione nella capitale.

I piani rivoluzionari possono essere entusiasmanti”, ha dichiarato il politico, “ma la normale e ordinaria gestione quotidiana ha bisogno di scelte concrete, rapide e risolutive.” E ancora, facendo il resoconto della gestione regionale: “Il Lazio ha 378 comuni molti dei quali peraltro impegnati ad accettare, trattare e smaltire i rifiuti di Roma Capitale. Soltanto a Roma vi è una situazione che manifesta gravissime criticità che non si registrano in nessun altro territorio della nostra Regione. È evidente che nel territorio capitolino esista un problema specifico. Al di là della polemica e della propaganda ci auguriamo che Roma Capitale adotti misure urgenti, credibili ed efficaci per evitare crisi sempre più insopportabili”.

Matteo Renzi aveva preso la palla al balzo accennando al problema nella sua newsletter, annunciando iniziative concrete e non lesinando stoccate agli avversari: “Domenica 14 maggio le Magliette Gialle – il simbolo del Pd che sta sul territorio e coniuga valori alti e progetti concreti – sbarcheranno a Roma. Con la città invasa dai rifiuti e nell’incapacità dell’amministrazione comunale di dare risposte, il PD romano presenterà le proprie idee sulla gestione dell’emergenza dei rifiuti ma lo farà dopo che per una mattinata saremo stati a pulire la città”.

La risposta istituzionale della capitale era arrivata da Pinuccia Montanari, Assessore alla Sostenibilità Ambientale di Roma, la quale in un post sul blog di Beppe Grillo aveva rispedito le accuse al mittente, parlando di “spot elettorale” di Renzi: “In primo luogo è bene ricordare a tutti i cittadini romani che non c’è assolutamente emergenza rifiuti. Roma non ha mai avuto un Piano per la gestione sostenibile dei materiali post-consumo. Noi in pochi mesi abbiamo approvato e stiamo attuando un Piano che prevede l’obiettivo di raggiungere il 70% di raccolta differenziata. Quindi la situazione attuale di criticità sarà risolta in pochi giorni. Abbiamo ereditato una situazione impiantistica assolutamente molto fragile e quindi dobbiamo, anche in termini di sistema, fare una programmazione seria. Ed è quello che stiamo facendo con il nostro Piano.”

L’ultimo intervento in ordine di tempo, invero molto polemico, è quello dello stesso Beppe Grillo, che in un post velenoso intitolato “Dagli all’untore, dagli al grillino”, prosegue con le accuse: “È colpa della Raggi se i bambini muoiono azzannati dai ratti, anche se è una fake news sparata dalla Moretti in diretta tv. È colpa dei grillini se i topi banchettano all’aeroporto di Fiumicino, e pazienza se è una bufala diffusa dal Corriere e dal Tg5. È colpa dei 5 Stelle la gestione dei rifiuti di Roma, anche se l’ha gestita il Pd con Mafia Capitale per anni.”