La Camera dei deputati ha approvato con 365 voti favorevoli e 156 contrari (la maggioranza richiesta era di 261) la riforma elettorale voluta da Matteo Renzi e appoggiata da Silvio Berlusconi. Dopo aver passato indenne, ma con molte polemiche, l’esame degli emendamenti conclusosi nella mezzanotte di ieri, l’Italicum dovrà ora passare all’esame del Senato: un passo che non sembra affatto scontato, dal momento che le opposizioni hanno già annunciato di voler riproporre il dilemma delle quote rosa che ha già rischiato di far saltare il banco a Montecitorio.

LEGGI ANCHE:

Italicum, sì alla maggioranza al 37%

Italicum, bocciate le quote rosa

Renzi, meno tasse ma non per tutti