Con l’arrivo della bella stagione le donne, preparandosi alla prova costume, cominciano a dedicarsi in maniera più attenta e assidua alla depilazione. Eliminare i peli dal proprio corpo è da sempre un’abitudine per il popolo femminile ma, negli ultimi anni, questa pratica si sta estendendo anche alle parti intime che in moltissime scelgono di depilare completamente.

Questa prassi è stata confermata da un recente studio pubblicato su “JAMA Dermatology”: Tami S. Rowen, ginecologa dell’Università di San Francisco, ha intervistato più di tremila donne statunitensi circa l’argomento ed ha scoperto che il 62% di loro almeno una volta nella vita ha provato la depilazione completa nella zona genitale. La motivazione è da ricercare nella sensazione di maggiore pulizia che le donne percepiscono in assenza di peli, così come la studiosa ha confermato:

“Molte pensano che sia più igienico eliminare tutti i peli e lo fanno non soltanto in vista di occasioni specifiche come una vacanza al mare, ma anche prima di andare dal ginecologo. Qualsiasi situazione che porti la donna a esporre l’area genitale, quindi, favorisce il ricorso al rasoio: anche se si trovano in una situazione per così dire asettica, le donne sono molto consapevoli dell’aspetto della propria area genitale e associano l’assenza di peli a pulizia e ordine“.

Al contrario di quanto si pensa, invece, i peli pubici sono fondamentali perchè proteggono le zone genitali, evitando la formazione di lieviti, funghi e germi. Inoltre, la depilazione spesso viene eseguita a casa e può provocare piccole lesioni che posso causare irritazioni ed infezioni. Insomma, alla luce di queste controindicazioni, la Rowen consiglia alle donne di non seguire la moda in caso di depilazione, puntando maggiormente su ciò che è più salutare per il nostro copro.