Il tempestivo intervento di un vigile del fuoco ha salvato una bambina che stava per soffocare. La protagonista della vicenda straordinaria è una bimba di poco meno di un anno che sabato sera intorno alla 21 era con la famiglia al ristorante-pizzeria “Le Faville” di Villorba, in provincia di Treviso.

Nello stesso locale era presente il 47enne Alberto Velo, di Paese, caposquadra dei vigili del fuoco del comando provinciale di Treviso. L’uomo era a cena con un collega quando, improvvisamente, alla bimba seduta a pochi metri da lui rimane incastrato in gola un boccone di pizza. Il pompiere, sentendo le grida della mamma, si è così allarmato:

“Ero seduto a tavola con un collega quando a un tratto ho sentito delle grida alle mie spalle. Era la madre, terrorizzata, che teneva in braccio la piccola, priva di sensi e cianotica, senza riuscire a prestarle in alcun modo aiuto”.

Data la gravità della situazione, Velo non ha perso tempo prestando il primo soccorso alla piccola:

“Ho iniziato a premere sulla schiena della bimba. Di solito non si riesce subito nell’operazione ma al primo tentativo sono stato capace di farle sputare il boccone. Poi ha iniziato a piangere: era salva. Non riesco a spiegare la felicità che ho provato”.

La bimba, quindi, ha ripreso immediatamente conoscenza e la mamma non potrà che essere per sempre grata a quel vigile del fuoco che, come una angelo custode, ha salvato la vita alla sua piccola.