Il rientro dalla vacanze non è mai facile, preparare tutte le valigie, salire in auto e tornare a casa.

Ancora peggio quando si tratta di viaggi di ritorno lunghi o che necessitano dell’utilizzo di mezzi di trasporto che non siano l’auto, come ad esempio il traghetto.

In questi casi la puntualità è importante, molta è la coda, poca è la pazienza, ecco perché è sempre consigliabile arrivare in anticipo così da poter prevenire eventuali intoppi.

C’è però chi fa le cose all’ultimo minuto e, disorganizzato, rischia di perdere la nave.

Questo è quanto è accaduto a tre famiglie campane che, in ritardo per il traghetto della Tirrenia delle 8:30 in partenza da Olbia e diretto a Civitavecchia, hanno fatto di tutto per salire a bordo.

Quando sono arrivati, con auto al seguito, le operazioni di imbarco erano concluse e gli addetti stavano già sciogliendo gli ormeggi.

I turisti non si sono arresi e, nel tentativo di evitare di perdere il traghetto, hanno cercato di aggrapparsi agli ormeggi.

Gli uomini della sicurezza sono così intervenuti per sbloccare la situazione e le tre famiglie si sono dovute arrendere.

A loro è toccato il traghetto della Moby delle 14:00.