Ha dell’incredibile quanto accaduto a Roma dove due turiste, una olandese e l’altra americana, hanno cominciato a litigare nel cuore della piazza Fontana di Trevi. Il motivo? Nessuna delle due voleva cedere quell’angolo privilegiato dove scattare una foto-ricordo, da far vedere ad amici e parenti una volta rientrati a casa. Così ne è nata una rissa che ha richiesto l’intervento della Polizia Municipale la quale ha evitato il peggio.

Il litigio è cominciato con un duro scambio di parole, anzi di insulti, poi sono passate alle mani con tanto di spintoni, schiaffi e pugni, stando al racconto dei presenti. A quel punto sono arrivati anche i loro rispettivi parenti fino all’intervento della Municipale che ha cercato di sedare gli animi. In realtà è stato necessario il supporto di altre pattuglie visto che i turisti inferociti erano circa 8. Condotti presso gli uffici di via della Greca, sono stati denunciati per violenza e minacce.

“Accessi controllati in funzione anti-abusivismo e sicurezza in piazza della Fontana di Trevi”, questa la proposta del presidente della commissione Commercio di Roma Andrea Coia (M5s). “Non parlo di accessi fisici come cancelli o varchi, ma estenderei l’area di rispetto della fontana a tutta la piazza con più agenti di polizia locale in presidio a sorvegliare gli ingressi, chi entra e cosa vende” ha aggiunto. Assoturismo, invece, chiede “più controlli ma no al numero chiuso”.