Questa è una di quelle storie che non vorresti mai raccontare – ma che purtroppo accadono. Una pallavolista ligure di undici anni – si chiamava Alessia Berruti – è morta nella notte. Le cause sono ancora ignote. I pochi dati di cui siamo a conoscenza è che si trovava in trasferta a Rivoli per partecipare insieme alla sua squadra – la Volley Finale – ad uno più importanti tornei a livello giovanile in Italia: il “Pasqua sotto rete”, dedicato a ragazze e ragazzi di un età compresa tra gli 11 e i 16 anni.

A quanto sembra, dopo aver giocato una partita del torneo, durante la cena sarebbe stata colta da malore a cui è seguito un arresto cardiaco. E’ stata portata all’ospedale di Rivoli, e qui sarebbe morta nella notte senza riprendere conoscenza – su questo punto le versioni divergono, secondo alcuni media la ragazzina sarebbe morta poco dopo il suo arrivo nell’ospedale. A quanto sembra l’intervento dei dirigenti della squadra – tra cui c’era anche la madre della povera vittima – è stato tempestivo, così come l’intervento dell’ambulanza allertato attraverso il 118.

Purtroppo tutto è stato inutile. Restano da approfondire le cause che hanno portato al decesso della ragazzina ligure, per cui verranno effettuati accertamenti su quello che è successo – compresa ovviamente un’autopsia sul corpo della povera vittima di questa storia.

Chiudiamo con le parole del presidente della squadra di Volley dove giocava Alessia: “Tragedia assurda e inspiegabile, che non trova parole“. E continua così “Alessia giocava con noi da cinque anni e militava nella squadra dell’under 12. Era felicissima di poter partecipare al torneo che ha iscritte 84 squadre provenienti da tutta Italia. Era il primo torneo a cui partecipavamo con la sua squadra. Siamo davvero distrutti. Abbiamo ritirato la squadra e siamo tornati a casa“.