Arriva la condanna di Giorgia Meloni che boccia il video pubblicato in rete con le due rom chiuse nel gabbiotto dei rifiuti nei pressi di un supermercato di Follonica. Tre dipendenti, proprio per questo motivo, sono stati sospesi e rischiano il posto di lavoro mentre una delle rom, sentita dai cronisti, ha smorzato i toni, non avendo compreso probabilmente la gravità del gesto fatto dai tre ragazzi (compreso l’autore del video incriminato). Dura la condanna anche da parte di Lidl.

Giorgia Meloni contro il video sulle rom

A parlarne, stavolta, è Giorgia Meloni che, ospite di “In 1/2″ (Rai Tre) ha dichiarato: “E’ un video che non mi piace, penso che se qualcuno ruba sia giusto trattenerlo ma non è giusto deriderlo in un video e poi pubblicarlo su Facebook. Bisogna distinguere il piano politico da quello umano”. Secondo la Meloni, poi, bisognerebbe interrogarsi sul perché “un iscritto della Cgil pubblichi un video del genere”: “Il problema dei rom in Italia è sottovalutato. L’accoglienza fine a se stessa ci ha fatto credere che, se i rom non si integrano e non mandano i figli a scuola, è tutto normale” ha concluso.

Giorgia Meloni ospite di “In 1/2″

A difendere i tre lavoratori era stato Matteo Salvini, leader della Lega Nord, che in un post su Facebook aveva scritto di voler offrire “sostegno anche legale” agli autori del video. “Non sto con le rom frugatrici. Ma quanto urla questa disgraziata? Ruspa” aveva concluso suscitando innumerevoli polemiche.