Una nuova ordinanza firmata dalla sindaca Virginia Raggi dispone il “divieto di qualsiasi attività che preveda la disponibilità ad essere ritratto come soggetto in abbigliamento storico in fotografie o filmati dietro corrispettivo in denaro”. Il primo cittadino, in forza Movimento Cinque Stelle, dunque, dichiara guerra a centurioni e risciò adottando un provvedimento che vuole tutelare sia la sicurezza urbana che il decoro della Capitale: un’ordinanza che rimarrà in vigore fino al 30 luglio 2017. Poi bisognerà trovare un’altra soluzione.

Roma, stop anche ai risciò al centro storico

E non è finita qui: per esigenze di tutela dell’incolumità pubblica, la sindaca di Roma, Virginia Raggi, ha firmato una seconda ordinanza che impone il divieto di svolgere attività assimilabili al trasporto pubblico collettivo o individuale di persone con velocipedi a tre o più ruote. Un provvedimento che verrà applicato soltanto in alcuni ambiti territoriali di Roma come il centro storico o nei luoghi di maggior attrazione turistica e che mira a bloccare l’attività dei risciò, molto utilizzati nella Capitale.

Roma, per i trasgressori multe di 400 euro

Anche in questo caso l’ordinanza del sindaco di Roma, Virginia Raggi, sarà valida fino al 30 luglio 2017 e per chi trasgredirà l’ordinanza è prevista una multa da 400 euro, come stabilito dalla giunta capitolina.