Pochi sorsi dalla bottiglietta d’acqua da mezzo litro comprata in un bar per fare colazione e quindi il malore improvviso: questa la drammatica vicenda di un 58enne di Roma, ricoverato d’urgenza presso l’ospedale Sandro Pertini dopo essere stato intubato direttamente in strada.

Quella ingerita dall’uomo nel locale di via Cherso, nei pressi del quartiere Prenestino, non era infatti acqua, ma un liquido corrosivo che ha ustionato gravemente la bocca, l’esofago e tutto l’apparato digerente della vittima, che si trova in condizioni gravissime e non sono chiari i tempi di guarigione.

La polizia del commissariato di Torpignattara sta investigando sulla vicenda, avvenuta tra le 8 e le 9 della mattina di martedì 26 aprile: il bar è stato soggetto a un’accurata ispezione insieme agli uomini della Asl, ma permangono ancora vari dubbi sulla bottigliata d’acqua comprata dal cliente. È stata presa dal frigo a disposizione della clientela o è stata servita al bancone? E qual è la sostanza ingerita dallo sfortunato avventore, ammoniaca, acido muriatico o altro ancora?

Al momento l’unica ipotesi di reato configurata per i gestori del bar è quella di lesioni colpose. Si attende che la prognosi venga sciolta per avere maggiori informazioni dal diretto interessato, l’unico a poter raccontare compiutamente quanto successo.