E’ una Roma “blindatissima” quella che si prepara alle celebrazioni di sabato per il sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma a cui prenderanno parte i capi di di Stato di diversi Paesi europei. Per l’allarme attentati sono state definite due zone di massima sicurezza con 39 varchi d’accesso: vietata la circolazione di camion in centro per evitare quanto accaduto in altre città europee. Verranno chiuse anche tre stazioni della metro e saranno impiegati 5mila agenti per garantire la sicurezza dei capi di Stato. Un centinaio le nuove telecamere che saranno attivate; previsti ben quattro cortei.

Roma blindata, arrivano 5mila agenti

Sono già state avviate alcune bonifiche e la città di Roma si prepara ad essere presidiata da tiratori scelti e agenti in borghese. Preoccupa non solo il terrorismo (saranno 25mila le persone in piazza) ma anche i quattro cortei e i due sit-in previsti in quella giornata. Si vogliono evitare disordini scatenati da frange minoritarie e violente, dai black bloc agli anarchici.

Roma blindata, è allarme terrorismo

Come già accennato, è stata vietata la circolazione di camion in centro per evitare quanto accaduto a Nizza e Berlino. Intanto – in funzione preventiva – verranno usate le barriere di cemento da collocare nelle zone più a rischio della Capitale.