Una donna colombiana di 35 anni è stata aggredita da un gruppo di quattro borseggiatrici nella metropolitana di Roma.

Gli eventi risalgono alla scorsa domenica, quando intorno alle 20.30 la signora ha allertato una comitiva di turisti giapponesi che stava per essere accerchiata dalle rapinatrici: un grido – “attenti alla ladre!” – che ha permesso agli stranieri di mettere in salvo i propri avari, ma che ha anche scatenato l’ira delle donne, tutte di etnia rom.

L’aggressione, avvenuta all’interno di un convoglio della linea A che procedeva in direzione Ottaviano – Battistini, ha visto la colombiana soccombere alla furia del gruppetto di borseggiatrici, che l’hanno tempestata di calci e pugni. Le donne sono poi scappate una volta fermatosi il treno.

La vittima è stata soccorsa da una coppia di aspiranti carabinieri in uscita, oltre che dal personale militare presente in stazione (contestualmente all’approvazione dell’operazione Strade Sicure). Trasportata all’ospedale Santo Spirito dal personale medico del 118, alla donna è stata data una prognosi di alcuni giorni, ma attualmente si trova ancora sotto osservazione a causa delle conseguenze impreviste dei colpi subiti al basso ventre.

Sul caso stanno indagando gli agenti del commissariato Borgo, che hanno raccolto sia le testimonianze dei presenti che la denuncia della ferita. Al vaglio le immagini delle telecamere di videosorveglianza della stazione, al fine di identificare le borseggiatrici.