E infine dopo tante polemiche, critiche e persino sberleffi Virginia Raggi ha finalmente trovato i due assessori che andranno a completare la giunta di Roma: si tratta di Andrea Mazzillo al Bilancio e di Massimo Colomban alle Partecipate.

La nomina ufficiale arriverà in giornata, ma i nomi dovrebbero essere garantiti, non come le occasioni sfumate rappresentate da Milenna e De Dominicis. Ma chi sono i due personaggi di cui andranno a occuparsi le cronache politiche romane per i prossimi mesi a venire?

Mazzillo è professore universitario di Ricerca in Economia e Gestione delle Aziende e delle Amministrazioni Pubbliche presso l’Ateneo di Tor Vergata, noto all’entourage del primo cittadino in quanto dirigente in Campidoglio e già avente funzioni di coordinamento dello staff, con uno stipendio di 90mila euro l’anno che aveva già provocato grandi polemiche. In passato ha lavorato anche in Equitalia e nel 2006 fu candidato con la lista di Veltroni.

La sua nomina però sembra non essere stata gradita dal capogruppo 5 Stelle Paolo Ferrara, che avrebbe duramente criticato il professore per il suo passato nel Pd, sia per il suo presunto “ruolo ombra” durante la breve esperienza di Minenna al Bilancio.

Il curriculum di Massimo Colomban sembra essere potenzialmente meno discutibile anche dai più accaniti critici della sindaca: il nuovo assessore è un industriale che si muove nell’ambito della lavorazione dei metalli, avendo fondato Permasteelisa, gruppo leader mondiale negli involucri delle più alte torri e architetture monumentali quali la Sydney Opera House o il Guggenheim Museo Bilbao; a parlare per lui in ambito 5 Stelle ci sono poi la forte amicizia stretta con Gianroberto Casaleggio e l’intera Associati, nonché il rapporto di stima che lo lega a molti membri dei “piani alti” del Movimento.