Un bengalese è stato picchiato mentre si trovava sul treno pendolari per Nettuno, in provincia di Roma. Un vero e proprio pestaggio ai danni di un cittadino del Bangladesh, di 33 anni, che ha riportato fratture al volto e diverse contusioni, così come messo nero su bianco dall’ospedale di Anzio in cui è stato ricoverato. Non si esclude la matrice razzista dell’aggressione.

Aggredito sul treno dopo un litigio

A dare l’allarme è stato un passeggero che ha visto l’uomo, sanguinante, a bordo del treno diretto ad Anzio. A pestarlo, secondo le prime indiscrezioni, un gruppo di ragazzi con il quale l’uomo aveva discusso poco prima. La Polfer sta indagando per ricostruire meglio la dinamica dei fatti: l’ipotesi più accreditata è quella del pestaggio di matrice razzista ma non si esclude nemmeno la rapina finita male. 

Aggredito sul treno, nessuno ha visto il pestaggio

Nelle prossime ore verranno visionate tutte le telecamere di videosorveglianza delle stazioni in cui si è fermato il convoglio: solo così potranno essere identificati gli aggressori, probabilmente un gruppo di ragazzi.

Al momento, però, sembrerebbe che non ci siano persone che abbiano assistito al pestaggio, rendendo ancora più complicate le indagini della Polfer. A chiamare le forze dell’ordine – su segnalazione di un passeggero che ha visto l’uomo col volto insanguinato – è stato il capotreno.