UPDATE ore 16:45: Il servizio è stato riattivato su tutta la linea verso le 13. Un cavo tranciato da uno dei treni in corsa, un calo di energia e un interruttore danneggiato da ignoti. Questi tre elementi avrebbero mandato in tilt il sistema provocando il fermo di diversi vagoni bloccando l’intera linea della Metro B di Roma stamattina. I tecnici stanno comunque ancora lavorando per verificare con esattezza le cause.

NEWS: Ancora disagi alla metropolitana B di Roma, per un nuovo guasto tecnico. Evacuata la fermata Tiburtina intorno alle 9.45 di questa mattina, mentre è stato momentaneamente deciso lo stop su tutta la linea. Interrotto il servizio tra Castro Pretorio e Laurentina in entrambe le direzioni. A quanto pare alcuni passeggeri si trovano ancora a bordo dei vagoni. Tecnici di Atac sono al lavoro per ripristinare i sistemi interrotti e cercare di garantire regolarità al servizio. Ne l frattempo sono attivi dei bus sostitutivi in superfice.

L’Atac, agenzia per la mobilità, spiega la causa in un comunicato: “Un grave atto vandalico è avvenuto questa mattina nella fermata Termini della linea B della metropolitana (foto by InfoPhoto). Ignoti hanno prima azionato e poi divelto l’interruttore di emergenza che si trova lungo la banchina, provocando l’azionamento dei dispositivi di sicurezza generali che, per precauzione, hanno interrotto l’erogazione dell’energia elettrica sull’intera linea bloccando i treni nelle stazioni, come nel caso di un convoglio diretto a Laurentina rimasto fermo tra le stazioni di Tiburtina e Bologna per qualche minuto”.

Contro l’atto di vandalismo Atac ha già presentato una denuncia alle forze dell’ordine mettendo a disposizione degli investigatori le immagini delle telecamere di videosorveglianza.

Nelle ultime settimane abbiamo verificato il ripetersi di interruzioni e blocchi delle metropolitane che, alla luce di quanto accaduto oggi, non appaiono più tanto casuali – dichiara l’Amministratore delegato di Atac, Roberto Diacetti – stiamo interessando con denunce e materiale probatorio gli inquirenti affinché sia fatta piena luce su quanto accaduto. Personalmente e a nome dell’Azienda, stigmatizzo e condanno con forza atti sconsiderati che interrompono un servizio pubblico e creano un danno incalcolabile agli utenti limitando il loro diritto alla mobilità”.

Il consigliere comunale Pd, Paolo Masini esprime in una tutto il suo dissenso senza remore: “Anche questa mattina si è registrato un nuovo blocco della metro B. È uno stillicidio, un disastro quotidiano non degno di una Capitale europea, subio tutto dai poveri cittadini romani. Alemanno è il primo responsabile di questo scempio: si vergogni e se ne vada”.