A Roma lo sciopero dei mezzi previsto per oggi è stato rinviato. Almeno in parte, poiché una sigla ha confermato che incrocerà le braccia comunque, mentre le altre sigle sindacali hanno confermato il posticipo dell’agitazione.

Lo sciopero dei mezzi a Roma era previsto inizialmente per oggi, 6 maggio, con la partecipazione da parte di Cgil, Cisl, Uil, Faisa Cisal e Sul che intendevano bloccare i mezzi Tpl per quattro ore, dalle 8.30 fino alle 12.30. Adesso è arrivato il contrordine: lo sciopero non ci sarà oggi, bensì il 30 maggio.

Non tutte le sigle sindacali sembrano però d’accordo in questa decisione: Sul ha infatti scelto di confermare lo sciopero del 6 maggio. Una decisione che dunque potrebbe portare comunque qualche disagio per chi si sposterà a Roma quest’oggi.

Alla decisione di interrompere, o se non altro di rimandare lo sciopero dei mezzi di Roma si è giunti nella serata di ieri, giovedì 5 maggio, al termine di un vertice che si è tenuto in Prefettura tra i sindacati e le istituzioni. Il motivo dello sciopero sta nella protesta contro l’attuale situazione dei dipendenti di Tpl, la società che gestisce le linee di trasporto pubblico nei quartieri della periferia della Capitale, che sono senza stipendio da vari mesi. Una protesta che è sfociata anche nell’incatenamento nel deposito di via Costi da parte di alcuni autisti della società, avvenuto nella notte tra mercoledì e giovedì scorsi.