Importante operazione antidroga della Guardia di finanza di Roma in collaborazione con il reparto operativo aeronavale di Civitavecchia, che ha portato nella giornata di oggi al sequestro di oltre 3 tonnellate di hashish.

Il blitz è avvenuto a bordo di una nave a vela grande quasi 15 metri, ormeggiata al porto di Civitavecchia: arrestati i due passeggeri a bordo, una coppia di polacchi, con l’accusa di traffico internazionale di stupefacenti.

L’arresto e il sequestro avvengono dopo alcuni giorni di indagini a seguito della rilevazione della rotta anomala assunta da una nave con bandiera polacca, dettaglio che ha fatto sorgere il sospetto potesse trattarsi di un’operazione illecita.

A fornire i dati è stato un aereo del gruppo esplorazione aeromarittima del copro di pratica di mare: la Guardia di Finanza di Roma ha quindi chiesto che l’imbarcazione venisse monitorata e poi ha disposto un controllo a bordo con l’ausilio di motovedette e di un elicottero.

E in effetti il blitz ha portato ai risultati sperati. Nella stiva sono stati trovati vari sacchi di juta di circa 30 kg ciascuno, per un totale di circa 3,3 tonnellate di hashish.

Ancora ignoto, e oggetto di indagini che necessariamente dovranno essere approfondite, è però l’identità dei potenziali acquirenti del carico, la località finale in cui sarebbe avvenuto lo scambio e le modalità con cui l’organizzazione criminale aveva pianificato il traffico di ingenti quantità di droga.