Intorno alle ore 12:30 di oggi, preso la facoltà di Ingegneria dell’Università Roma Tre in via Vasca Navale, un ragazzo di appena ventisei anni si è tolto la vita sparandosi con un colpo di pistola alla tempia. Il fatto sarebbe avvenuto all’ingresso dello stabile: molte persone presenti nella facoltà di Roma Tre in quel momento, udendo lo sparo sarebbero fuggite spaventate e uno dei presenti al fatto, a causa dello choc subito, sarebbe stato persino trasportato all’ospedale Sant’Eugenio.

Il ragazzo che si è sparato alla testa è stato immediatamente soccorso dal personale medico del 118 e dalle volanti della polizia ma per lui non ci sarebbe stato nulla da fare. Pare che impugnasse ancora la pistola nel momento in cui è stato soccorso e sembra anche che si trattasse di un giovane originario della provincia di Potenza.

Alla facoltà di Ingegneria di Roma Tre è giunto anche il personale della polizia Scientifica e della Squadra mobile di Roma. Da quanto si legge sulla pagina Facebook Progetto Roma Tre (gruppo di rappresentanza studentesca), l’Ateneo ha sospeso le attività didattiche fino a nuova comunicazione e che la stessa didattica potrebbe essere interrotta anche in altre facoltà, a discrezione delle stesse.