Il sindaco di Roma Virginia Raggi, nella giornata odierna, ha presentato le sue linee guida programmatiche in Campidoglio. Il primo obiettivo per la neo prima cittadina è quello di portare soprattutto maggiore trasparenza e coinvolgimento, in modo tale che i cittadini possano recuperare la fiducia perduta nelle istituzioni romane.

Il programma di Virginia Raggi tocca tutte le aree di maggiore interesse e riguarda soprattutto il problema dei rifiuti nella Capitale: una situazione ormai al collasso, che entro venti giorni circa va risolta e che rappresenta una delle “grane” maggiori per Roma e il suo governo. In materia di rifiuti urbani, la Raggi ha proposto una raccolta differenziata spinta, un’isola ecologica presente in ogni Municipio e mini isole nei singoli quartieri. A tutto questo dovrebbe aggiungersi anche l’apertura di centri di selezione dei materiali e una filosofia che punti al recupero, al riuso e alla riduzione dei rifiuti stessi. Grande attenzione anche alla riorganizzazione dell’Ama (società che gestisce la raccolta), che presenta un debito di circa seicento milioni di euro.

Per i trasporti, Virginia Raggi concentra le linee guida sulla lotta all’evasione tariffaria e sulla riconversione del personale in esubero in personale di controllo. A tutto questo andrebbe poi affiancata una politica che sappia migliorare il servizio del trasporto pubblico a Roma, andando a colmare i gap che attualmente si registrerebbero.

Virginia Raggi parla inoltre di gestione pubblica dell’acqua, di trasparenza e legalità in fatto di lavori e appalti pubblici (settore macchiato da Mafia Capitale) e infine anche di barriere architettoniche che vanno eliminate, affinché la città di Roma possa essere vissuta in pieno da tutti i suoi cittadini.