Una passione irrefrenabile per la lingerie femminile, un’abitudine che potrebbe costare caro a un giovane trentunenne. È questa la notizia che giunge dal Giappone, dove un uomo è stato arrestato per il furto di oltre 200 reggiseni e altrettante mutande femminili. Gli esemplari sarebbero stati sottratti dalle abitazioni delle vicine di casa, sapientemente raccolti dalle terrazze su cui pare fossero stesi.

Tomohiro Honma è stato arrestato qualche giorno fa, poiché la polizia giapponese pensa sia responsabile del furto di 12 prodotti di lingerie sfilati da uno stendino. Un controllo presso l’abitazione del trentunenne, però, ha rivelato come fossero ben 200 gli elementi raccolti negli anni, per una passione irrefrenabile. Sembra che l’accusato abbia raccolto gli indumenti dai balconi delle vicine di casa, presso Takatsu Ward a Tokyo, tanto che si sospetta la singolare raccolta si sia ripetuta per più di 50 volte. «Amo la lingerie femminile – avrebbe confessato il giovane agli agenti – l’ho fatto per soddisfare i miei desideri sessuali». Non è la prima volta, tuttavia, che accadono simili episodi: lo scorso mese, infatti, un uomo statunitense è stato accusato di aver rubato più di 1.000 paia di slip e reggiseni, indumenti che l’indagato avrebbe quotidianamente indossato sotto i normali vestiti.

Fonte: Mirror