Lutto in Russia, dove un aereo della Difesa con a bordo 92 persone si è inabissato nelle acque del Mar Nero intorno alle 5 di mattina (ora locale).

Il ministro della Difesa ha affermato che il veicolo, un Tu-154, stava trasportando un gruppo di musicisti facenti parte del coro militare Alexandrov (conosciuto anche come il Coro dell’Armata Rossa), i quali avrebbero detto allietare le truppe russe in Siria durante il concerto di Capodanno.

Il mezzo, su cui erano presenti 84 passeggeri e 8 membri dell’equipaggio, era decollato da Sochi, quando all’improvviso verso le 5.40 è scomparso dai radar. Oltre a

9 giornalisti l’aereo includeva membri dell’Ensemble Alexandrov, ai quali era stato chiesto di celebrare l’attesa del nuovo anno insieme al personale della base aerea di Khmeimim, nella parte occidentale della Siria.

La base viene utilizzata dagli aerei da guerra russi come punto di partenza per i bombardamenti aerei in Siria, ed è anche ricettacolo di una postazione missilistica antiaerea S-400.

Sempre secondo il Ministero alcuni frammenti dell’aereo sono stati trovati a circa un km e mezzo dalla costa, in acque profonde circa 50 – 70 metri. Non ci sono al momento notizie di sopravvissuti.

Un’agenzia giornalistica della Russia, RIA, ha citato fonti di sicurezza anonime per le quali i primi dati acquisiti indicherebbero che l’aereo sia precipitato a causa di un guasto tecnico.