La linea ferroviaria dell’Alta velocità ha subito un sabotaggio questa notte, nella fascia oraria compresa tra le 3:30 e le 4 del mattino. L’azione è avvenuta nei pressi di Bologna (sulla direttrice Bologna-Milano) e le forze dell’ordine hanno poi trovato, in ben quattro punti diversi, focolai d’incendio. Da quanto risulta in base ai primi rilievi, alcune persone – di cui resta ignota l’identità – avrebbero dato fuoco a cavi elettrici interrati nella sottostazione in zona Santa Viola.

Gli inquirenti avrebbero trovato anche una scritta a terra, fatta con della vernice rossa, in cui si leggeva: “8-11 sabotare un mondo di razzisti e di frontiere”. Una frase che sarebbe stata immediatamente collegata all’arrivo del segretario della Lega Nord, Matteo Salvini, e di molti leghisti nel capoluogo emiliano (arrivo previsto proprio per la giornata di oggi, 8 novembre).

Il leader del Carroccio ha ovviamente già commentato l’atto di sabotaggio alla linea dell’Alta Velocità, scrivendo un post sul Facebook in cui si legge:

Buona, anzi splendida domenica Amici!Stanotte è stata danneggiata in diversi punti le linea ferroviaria fra Milano e…

Posted by Matteo Salvini on Sabato 7 novembre 2015

Il sabotaggio alla linea ferroviaria dell’Alta Velocità ha creato molti problemi alla circolazione ferroviaria, con ritardi fino a trenta minuti. Della questione si occuperà ora il pubblico ministero Rossella Poggioli, che coordinerà le indagini assieme alla Digos. La prima pista potrebbe portare alla matrice anarchica e no tav (il 23 dicembre scorso venne messo in atto un gesto simile, in un luogo non lontano dall’attuale).