Sono già tornati in Italia i due sacerdoti rapiti lo scorso 4 aprile in Camerun insieme ad una suora canadese. Giampaolo Marta e Gianantonio Allegri, entrambi originari di Vicenza, sono stati rilasciati dopo quasi due mesi di prigionia e lunghe trattative con le autorità. Erano stati prelevati da uomini armati nella loro abitazione nella diocesi di Maroua, che si trova a nord del Camerun, non lontano dal confine con la Nigeria. Proprio per questo motivo i sospetti su chi potessero essere i rapitori erano andati subito ai terroristi islamici del gruppo di Boko Haram; tuttavia i terroristi nigeriani non hanno mai rivendicato l’azione.

Non appena appresa la notizia della liberazione dei due religiosi, il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha diffuso un tweet: “Don Giampaolo e don Gianantonio saranno #acasa stanotte. Bentornati e un abbraccio alle loro comunità e ai loro amici“. Il ministro degli Esteri, Federica Mogherini, ha commentato: “Grande gioia e grande soddisfazione per la riuscita di un’operazione condotta magistralmente, grazie anche alla continua collaborazione tra i nostri servizi di informazione e l’unità di crisi della Farnesina“.

photo credit: ialla via photopin cc