Vendite promozionali e offerte speciali hanno già fatto la loro comparsa durante i giorni dello shopping natalizio. Ma i saldi ufficiali, quelli dei cartelli con le percentuali sulle vetrine (foto by Infophoto), iniziano solo oggi e solo in tre regioni, Basilicata, Campania e Sicilia. Nel resto d’Italia bisognerà attendere il 5 gennaio per poter comprare a prezzi scontati. Variabile, come sempre, la durata: dal mese e mezzo di Lazio e Liguria fino ai due mesi della maggior parte delle regioni, con eccezioni sopra la media, come i quasi tre della Valle d’Aosta e della Campania.

Intorno ai 359 euro la cifra media che ogni famiglia spenderà quest’anno per abbigliamento e calzature, secondo le previsioni dell’Ufficio studi di Confcommercio. Sui 150 euro, invece, quella stimata per persona. Un giro d’affari di 5,6 miliardi, pari al 18% della spesa totale del settore per 25 milioni di famiglie italiane. E una boccata d’ossigeno per i negozianti, anche se la crisi colpirà ancora, con un calo di acquisti atteso tra il 10% e il 15%.  C’è anche chi, come Federconsumatori, si sbilancia prevedendo una diminuzione superiore al 18% rispetto all’anno scorso, che aveva già fatto registrare una brusca frenata.

Come ogni anno, l’associazione dei consumatori ha stilato il classico decalogo delle regole da osservare per non farsi “fregare” nei momenti concitati dello shopping da saldi. Controllare sempre il prezzo prima della partenza delle offerte, confrontare i cartellini in più negozi ed evitare gli acquisti dei classici fondi di magazzino, abiti e scarpe di stagioni ormai passate da tempo. Il prezzo originale, con tanto di percentuale di sconto e prezzo finale, devono essere indicati.  Diffidare sempre di chi non fa provare i capi e di chi non accetta bancomat e carte di credito. Conservare lo scontrino come prova d’acquisto anche se scontato. E, infine, il consiglio più prezioso: non lasciarsi prendere dalla frenesia delle offerte ma stabilire un budget massimo per gli acquisti, per evitare di trovarsi con le tasche vuote già il primo mese dell’anno.