La polizia sta investigando sulla morte di una coppia e del figlio neonato, trovati morti a Capaccio, in provincia di Salerno. La terrificante scena che si sono trovati davanti i carabinieri di Agropoli ascia pensare che possa trattarsi di un caso di omicidio – suicidio.

Stando alle prime rilevazioni effettuate nell’appartamento di via Poseidonia si dovrebbe trattare di una famiglia romena. Rimangono però difficili i lavori della scientifica, dato che i corpi della donna e del bambino sono stati ritrovati carbonizzati nella camera da letto: l’uomo avrebbe infatti dato fuoco ai familiari, per poi impiccarsi in bagno, dove è stato rinvenuto il suo cadavere.

A segnalare la tragedia sono stati i vicini di, casa allarmati dalle fiamme che iniziavano a propagarsi: questi hanno subito chiamato sia i carabinieri che i vigili del fuoco, i quali hanno poi provveduto a spegnere l’incendio che era ancora in corso quando sono arrivati i soccorsi.

Del tutto ignote le cause che hanno portato alla tragedia, che dovrebbe aver avuto luogo alle prime ore dell’alba, come ha confermato la scientifica. I vicini hanno parlato di liti frequenti e gli investigatori presumono che l’uomo possa essere stato spinto al terribile omicidio da un raptus di follia.