Salta la festa di compleanno della compagna di scuola, riceve pochi giorni dopo una fattura con il compenso da pagare data la sua assenza. Ha dell’incredibile la vicenda che vede coinvolte due famiglie a Plymouth, nel Regno Unito, divise da 15.95 sterline di discordia. Sfociata la discussione sui social network, la questione non solo è diventata virale, ma è rimbalzata in ogni remoto angolo del mondo.

Alex, un bambino di cinque anni, è stato invitato qualche giorno fa alla festa di compleanno di una sua compagna. Confermata la sua presenza, i genitori all’ultimo momento si sono accorti di un impegno precedente e, non avendo a disposizione nessun recapito, non hanno potuto avvisare dell’assenza. Dopo qualche giorno, nello zainetto del piccolo è stata inserita una fattura di 15.95 sterline, da consegnare a mamma e papà. Giunto a casa, lo shock del padre Derek Nash: non solo il documento sarebbe stato distribuito a scuola, per questioni che esulano l’ambito scolastico, ma soprattutto per le modalità. Contattati i mittenti, ora i genitori si rifiutano di pagare. E la questione rischia addirittura di sfociare in una causa legale.

Da un lato il padre del piccolo Alex, convinto che la questione si sarebbe potuta risolvere in modo amichevole, con una chiacchierata o una breve telefonata: l’uomo avrebbe di certo capito le esigenze della famiglia ospitante e aiutato a coprire i costi sostenuti. Dall’altro una coppia forse fin troppo fiscale. Come andrà a finire?

Fonte: BuzzFeed

Immagine: Party Candles on a Slice of Birthday Cake via Shutterstock