Amanti del mare e dell’ambiente, il 20 maggio, sono state aperte 100 aree gestite dal WWF e il 37 riserve del Corpo Forestale dello Stato per festeggiare l’ambiente e il mare protetto e pulito.

Si tratta dell’operazione ‘Salva-coste’ di WWF cui obiettivo è ricordare al nostro governo l’importanza che certe perle italiana hanno per il turismo, grande fonte di guadagno per le nostre casse.

Questa iniziativa, chiamata ‘Un mare di oasi per te’, può essere sostenuta inviando un sms al 45503, i ricavati sarà utilizzati per sostenere tre grandi aree costiere in Sardegna (Scivu), Veneto (Golena di Panarella) e Puglia (Le Cesine).

Questo progetto rientra nella settimana di sensibilizzazione, dal 14 al 20 maggio, che viene appoggiata anche da Rai, attraverso i suoi canali sia televisivi che radiofonici.

La situazione delle coste italiane non è facile, ‘dobbiamo salvare il 30% di tratti meravigliosi che ci rimangono’ spiega il direttore delle Politiche ambientali del WWF Italia, Gaetano Benedetto. 8.000 chilometri di costa sono infatti spesso occupati, sia dai 638 comuni costieri presenti, che, quindi, dai 30 milioni di italiani che vi abitano. Questo significa che, mediamente, ogni 350 metri c’è uno stabilimento balneare che, sappiamo, a sua volta comporta inquinamento.

Molto forte è anche la presenza dei porti, se ne conta uno ogni 14,2 km, per un totale di 525 (tra turistici e commerciali).

Aiutiamo quindi il WWF ad aiutarci, inviamo un sms al 45503.