Vi ricordate la storia della piccola Elisa, affetta da leucemia, e in cerca di un donatore di midollo? Ebbene, grazie al web e ad una mobilitazione sociale con l’hashtag #salviamoElisa il sogno è diventato realtà. Ecco cosa hanno scritto i genitori della piccola su Facebook:

Il momento tanto atteso è arrivato, la piccola Elisa ha fatto il trapianto, il suo angelo sconosciuto le ha donato il midollo. Quella sacca, per la nostra piccola, prelevata tramite aferesi, dal sangue periferico, che sembrava solo un sogno fino a poco tempo fa, è arrivata. Papà Fabio e mamma Sabina hanno scelto di vivere questo momento, particolarmente delicato, in silenzio, dedicando il massimo delle loro energie alla bimba.

Elisa può tornare a sognare anche se la storia non può dirsi chiusa. La strada, infatti, è lunga:

La preparazione al trapianto, l’infusione e il post-trapianto sono il punto di ripartenza, si tratta di protocolli complessi e molto delicati, gli effetti non sono scontati e nemmeno immediati. La piccola dovrà rimanere in camera sterile e solo dopo circa 100 giorni si potranno fare le prime valutazioni. Restiamo quindi in attesa, in punta di piedi, incrociamo le dita, preghiamo e continuiamo a tifare per la nostra amata “Gufetta” (come si auto definisce), che continua a mantenere il suo sorriso e la sua vivacità, mentre il nuovo midollino inizia a lavorare.

Il post si chiude con un “forza piccola”.