I risultati delle elezioni regionali in Francia hanno suscitato varie reazioni non solo Oltralpe, ma anche dalle nostre parti. I commenti ai ballottaggi sono risultati decisamente differenti rispetto a quelli del primo turno della settimana scorsa e c’è chi, come Matteo Salvini, ha usato parole molto polemiche.

Il leader della Lega Nord ha commentato in maniera parecchio dura la coalizione fatta dai Socialisti di Hollande con i Repubblicani di Sarkozy per sconfiggere il Fronte Nazionale di Marine Le Pen, cosa che in effetti ieri si è poi verificata.

Matteo Salvini ha dichiarato: “Hanno dovuto fare un’ammucchiata, tutti insieme, sinistra e finta destra, socialisti e repubblicani, banchieri e giornali, contro la Le Pen. Ma ormai la riscossa delle persone perbene non la ferma più nessuno, potranno rallentarla ma non bloccarla: grazie Marine!”.

Dello stesso parere di Salvini anche la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, che ha commentato la sconfitta di Marine Le Pen in Francia dichiarando che si è trattato di: “inciucio e compromessi che hanno prevalso sugli interessi del popolo”.

Più moderata rispetto a Salvini e Meloni è la reazione da parte di Silvio Berlusconi. L’ex presidente del Consiglio ha commentato il risultato elettorale francese dichiarando che solo unito il centrodestra può tornare a vincere.

Di tutt’altro segno le reazioni sul fronte del centrosinistra italiano. C’è chi ha usato l’ironia nei confronti di Salvini, come il sottosegretario all’ambiente appartenente alle fila del Partito Democratico Silvia Velo, che su Twitter si è rivolta direttamente al leghista: “Ciao Salvini, saluti dalla Francia”.

Lorenzo Guerini, vicesegretario e portavoce sempre del Pd, ha effettuato un’analisi del voto in Francia, dichiarando che si è rivelato: “Un segnale importante per l’Europa: i francesi dicono no alle scorciatoie populiste. È per l’Italia una lezione a chi dice che il ballottaggio previsto nell’Italicum non funziona: questo voto li smentisce in maniera evidente”.

Positiva anche la reazione di Sel. Arturo Scotto ha però avvisato: “L’estrema destra perde in Francia ai ballottaggi. È un’ ottima notizia. Ma per batterla davvero bisogna rimuovere le cause che l’hanno generata”.