I risultati alle ultime elezioni comunali, relativi ballottaggi compresi, non sono stati particolarmente brillanti per la Lega Nord. Matteo Salvini ha così deciso di cambiare strategia comunicativa e di rinunciare, almeno per un po’ di tempo, alle continue apparizioni televisive.

Il leader della Lega è convinto che l’eccessiva esposizione mediatica che l’ha visto coinvolto, soprattutto in tv, nel periodo precedente alle elezioni comunali abbia finito per danneggiarlo. Salvini ha allora scelto di non comparire sul piccolo schermo nel corso di quest’estate, o comunque di ridurre le sue ospitate televisive, per dare maggiore spazio all’impegno sui social network.

L’indiscrezione di questo “digiuno” tv da parte di Salvini è cominciata a trapelare negli ambienti del piccolo schermo. L’autore di un celebre programma televisivo nei passati giorni a un invito ha infatti ricevuto come risposta: “Mi spiace, in questo periodo Matteo non è disponibile”.

Dall’ufficio stampa della Lega Nord a un altro show hanno invece fatto sapere: “Matteo per adesso fa solo qualche cosina alla radio. Tornerà in tv quando avrà delle cose da dire…”.

Dalla Lega hanno poi specificato qualcosa di più riguardo a questa riduzione della presenza mediatica da parte del loro leader: “Salvini pensa che la sovraesposizione, alle Amministrative, gli abbia fatto male. Nell’immediato, quindi, niente apparizioni in televisione”.

La sua ultima comparsata tv è avvenuta lo scorso 7 luglio, ma solo in una rete locale, come da lui annunciato sui social network: “Sono a Telelombardia, domande senza filtro. Mi fate compagnia?”.

Non si tratta però dell’unico addio rivolto quest’estate da Matteo Salvini che, di fronte agli studi di La 7, lo scorso inverno aveva promesso davanti ad alcuni presenti: “Sono le mie ultime sigarette, vedrete. Dopo le Amministrative smetterò”. Sembra che il leghista abbia tenuto fede alla sua parola, come confermato negli scorsi giorni da lui stesso su Twitter: “Oggi sono al quindicesimo giorno senza sigarette”, aggiungendo poi una frecciata al rivale del Pd: “Prima si sconfigge il tabacco, poi si sconfigge Renzi”.