In un clima che si fa sempre più infuocato intorno alla tematica dell’Islam, soprattutto dopo gli ultimi tragici attentati e in particolare quello di Nizza, a gettare ulteriore benzina sul fuoco ci pensa ora Matteo Salvini. Il leader della Lega Nord è intervenuto riguardo a una nuova polemica che è divampata nelle ultime ore a Milano e le sue parole rischiano di aumentare ulteriormente le tensioni.

Il caso mediatico di Milano è scoppiato quando il deputato del Pd Emanuele Fiano, tramite il suo profilo Facebook, ha segnalato alcuni post scritti da Davide Piccardo, il coordinatore del Caim, Coordinamento delle associazioni islamiche di Milano, e di suo padre, Hamza Piccardo, che avrebbero inneggiato al discusso presidente turco Recep Tayyip Erdogan.

Matteo Salvini non ha potuto fare altro che cogliere la palla al balzo e rilanciare la polemica, attraverso una dichiarazione molto forte. Facendo riferimento alla polemica nata su Facebook, Salvini ha avanzato un’idea: “Certi estremisti islamici dovrebbero essere espulsi da Milano e dall’Italia, purtroppo qualcuno temo sia arrivato fino in Consiglio comunale”.

A margine della sua partecipazione a un presidio tenuto dalla Lega di fronte al consolato turco di Milano, Matteo Salvini riguardo alla questione ha inoltre aggiunto: “È un motivo in più per non concedere meno di mezzo metro quadro di spazio per una moschea a Milano. Un Paese serio con un ministro dell’Interno serio espelle chiunque sostenga l’estremismo islamico”.