È una storia terribile quella che viene da Sanremo, dove due sorelle hanno finalmente trovato la forza di denunciare il padre che ha abusato di loro per 25 anni, in totale, e la madre che nonostante fosse consapevole dell’accaduto non ha mai provato a difenderle.

Le gravi accuse rivolte ai genitori hanno portato il caso in tribunale, con un rinvio a giudizio per marito e moglie, rispettivamente di 65 e 60 anni, ex proprietari di un bar di Sanremo.

La denuncia è partita quando la figlia maggiore ha scoperto che anche la minore – entrambe oggi sono maggiorenni – aveva subito gli stessi abusi di cui era stata vittima in passato. Per questo l’ha convinta a sporgere denuncia alla polizia con lei.

Si tratta di violenze sessuali avvenute tra le mura domestiche, che si sono protratte nel tempo a partire da 25 anni fa, e che proprio per questo dettaglio potrebbero essere cadute almeno in parte in prescrizione.

Le due ragazze ora vivono all’estero e circa un anno fa hanno sporto denuncia: del caso si è occupato l’Ufficio Minori del Comm issariato di Sanremo insieme alla polizia giudiziaria guidata da Alessandro Bogliolo, sostituto procuratore di Imperia. L’avvio del processo è previsto per il 14 marzo del 2017.

Le due ragazze hanno già fornito la propria testimonianza con la formula dell’audizione protetta e con ogni probabilità verrà loro risparmiata una nuova deposizione durante lo svolgimento del processo. Dai pochi dettagli trapelati solo la figlia maggiorenne sarebbe stata costretta a rapporti sessuali completi, mentre l’altra sarebbe stata vittima di palpeggiamenti e attenzioni illecite e contro la sua volontà.