Ha rischiato il linciaggio l’uomo che, a bordo della sua auto, è piombato in mezzo alla folla durante una festa di paese a Nule, in provincia di Sassari. I presenti, infatti, hanno subito pensato alla scena di Nizza quando un tir bianco, a tutta velocità, schiacciò cittadini e turisti che passeggiavano sul lungomare. E, invece, in questo caso il bilancio è meno grave e soprattutto non si tratta di un attentato terroristico. Stando alle prime informazioni trapelate, ci sarebbero 31 feriti a Nule, in Sardegna, investiti da un’auto che ieri sera è piombata in mezzo alla folla durante la festa dedicata a Santa Maria Bambina.

Sardegna, perde il controllo dell’auto

L’auto, una Panda, come riferisce l’Unione Sarda, era guidata da un veterinario di Orune che, forse per un colpo di sonno o per un malore, ha perso il controllo ed è finito sulla folla ferendo oltre 30 persone, tra cui anche qualche minorenne. Tutti, però – rassicurano i soccorritori – non sarebbero in pericolo di vita: sono già stati già portati negli ospedali di Nuovo, Ozieri e Sassari.

Sardegna, incidente forse per un colpo di sonno

Il conducente dell’auto è rimasto ferito non a causa dell’incidente ma per le coltellate che qualcuno ha sferrato nel tentativo di linciaggio che si è registrato quando la vettura si è fermata. I presenti, infatti, pensavano che l’uomo fosse piombato, volontariamente, sulla folla e così hanno tentato di vendicarsi all’istante. L’uomo, portato subito in ospedale, è stato salvato dai Carabinieri che adesso indagano per risalire all’autore dell’accoltellamento.