È iniziata il 3 ottobre, e andrà avanti fino al 9, la 30esima edizione dell’Annecy Cinéma Italien, il festival che premia i film italiani.

Quest’anno l’apertura del Festival è stata responsabilità di Luigi Sardiello che ha presentato il suo ‘Il Pasticcere’.

La pellicola vede protagonisti Antonio Catania, Rosaria Russo, Ennio Fantastichini, Sara D’Amario, Ivan Zerbinati, Antonio Stornarolo, Silvana Bosi ed Emilio Solfrizzi.

‘Il Pasticciere’ è sia una commedia che un noir che raccontano le avventure di Achille Franzi, pasticciere appassionato, sin da quando era bambino, alle creme, ai lieviti e allo zucchero a velo.

Figlio d’arte, Achille ama il suo lavoro e lo vive come una vocazione, ma, come deve accadere per forza in un film, qualcosa provoca uno stravolgimento nella sua vita e lui si ritrova a dover fuggire dalla vita che tanto amava.

“Considero Il Pasticcere un film di confine. Tra due paesi separati da un terra di nessino. Tra il bene e il male. Tra il noir e gli altri generi”, così parla Sardello del suo film, prodotto da Alessandro Contessa per la BunkerLab (Focaccia Blues) con la collaborazione di Rai Cinema e il sostegno del Ministero dei Beni Culturali, dell’Apulia Film Commission e della Regione Basilicata.