Il caso di Edward Snowden è ormai una delicata questione diplomatica internazionale. Mentre gli USA continuano la caccia all’uomo del momento, avvistato l’ultima volta all’aeroporto di Mosca, il presidente russo Vladimir Putin difende l’ex analista della Cia che ha rivelato al mondo il programma segreto di sorveglianza della Nsa: “Non ha commesso delitti, è arrivato nel nostro paese senza che noi lo sapessimo e ora si trova nell’area transiti dell’aeroporto di Mosca (dove avrebbe dovuto prendere Il volo Mosca-L’Avana, ndr). Prima si muoverà da qui e meglio sarà per lui e per noi”.

Intanto i rapporti tra Stati Uniti, Russia e Cina (prima Snowden si trovava a Hong Kong) sono incrinati e la Casa Bianca ha accusato le due superpotenze di aver deliberatamente aiutato a fuggire il giovane informatico americano. Il capo del governo di Mosca respinge le accuse lanciategli contro definendole spazzatura: “E’ un delirio e un nonsenso le accuse che vengono rivolte alla Russia”. Putin si è anche rivolto alle organizzazioni di difesa dei diritti umani: “Devono decidere se vale la pena sollevare la questione delle due estradizioni” riferendosi anche al caso di Julian Assange, il leader di Wikileaks rifugiatosi all’ambasciata dell’Ecuador a Londra e che ha fornito assistenza legale e grande appoggio a Snowden.

Dopo l’appello alla calma del segretatario di Stato Usa, John Kerry, il portavoce della Casa Bianca, Jay Carney, si aspetta che la Russia “esamini tutte le opzioni a disposizione” per rimandare Snowden negli Stati Uniti dove dovrà rispondere dell’accusa di spionaggio e di diffusione di informazioni secretate. Secondo una fonte anonima all’agenzia InterfaX le forze dell’ordine russe potrebbero disporre il fermo di Snowden per accertare le circostanze del suo arrivo in Russia tra cui la validità del passaporto, annullato da tempo dalle autorità Usa. Sono al vaglio diverse modalità d’azione della polizia e dell’Interpol mentre i diplomatici americani sono al lavoro per capire se l’ex analista possa rifugiarsi in Ecuador o in altro paese del Sudamerica.

photo credit: NASA HQ PHOTO via photopin cc