Non c’è pace per i poveri italiani. Ora anche la pasta ci tolgono dal piatto; ad annunciarlo è la Nestlè, colosso dell’alimentazione, che ha annunciato il ritiro di ravioli e tortellini dal mercato italiano in seguito ad un test che ha rivelato delle tracce di carne di cavallo negli stessi. Uno scandalo che era iniziato con le lasagne della Findus e che ora si allarga. Al momento l’azienda non ha commentato, ma si aspetta una reazione forte e decisa: almeno, per rispetto dei milioni di clienti in tutto il mondo.

Dunque, si vendeva carne di cavallo come se fosse carne di manzo. Uno scandalo che era cominciato in Gran Bretagna con i prodotti della Findus e ora arriva anche in Italia. La Nestlé, multinazionale elvetica che dell’alimentazione ha fatto il suo core business, la più grande al mondo per quanto concerne questo tipo di prodotti, ha deciso di ritirare dal mercato italiano e spagnolo i “Ravioli di Brasato Buitoni” e “I Tortellini di Carne”.

La decisione è arrivata dopo alcuni test effettuati sui tutti i prodotti della filiera: dalle analisi infatti, sono emerse tracce di Dna di cavallo pari a poco più dell’1%. La notizia, pubblicata sul sito del Financial Times, non ha visto nessuna reazione da parte della Nestlé. E pensare che, solo una settimana fa, l’azienda svizzera aveva annunciato come i propri prodotti fossero tutti a base di manzo senza tracce di carne da cavallo.