Venerdì 21 aprile è previsto un nuovo sciopero del settore aereo. In base alle informazioni circolate finora, lo sciopero degli aerei dovrebbe svolgersi secondo le seguenti modalità: il personale Enav dovrebbe fermarsi per otto ore, ossia dalle 10 alle 18 così come il personale degli aeroporti di Milano Malpensa, Torino Caselle, Roma Ciampino e Venezia Tessera e il personale di easyJet e Alitalia; il personale di Meridiana Fly dovrebbe invece fermarsi per sole quattro ore, ossia delle 12 alle 16.

Il condizionale è d’obbligo in questo caso perché Giuseppe Santoro Passarelli, presidente dell’Autorità di garanzia per gli scioperi, avrebbe richiesto al personale del settore aereo di rimandare le agitazioni dopo il ponte del 25 aprile prossimo – presumibilmente a maggio-, in modo tale da non creare troppi disagi ai viaggiatori che si sposteranno in occasione delle festività.

Pur riconoscendo lo sciopero assolutamente legittimo, il Garante si sarebbe appellato a tutti i lavoratori affinché le interruzioni di servizio possano essere posticipate al mese di maggio, se non altro per l’enorme flusso di viaggiatori che si concentrerà in occasione del ponte del 25 aprile.

A tal proposito, dunque, il Garante ha invitato le società interessate ad “ad attivarsi, concretamente, per rimuovere le cause di insorgenza dei conflitti, al fine di creare le condizioni per la revoca degli scioperi proclamati“.