Sarà una giornata difficile per tutti coloro che domani, venerdì 24 luglio, dovranno prendere un volo. È stato infatti indetto dall’Anpac (Associazione Nazionale Professionale Aviazione Civile) uno sciopero della durata di 24 ore che coinvolgerà il personale Alitalia-Cityliner.

A incrociare le braccia saranno dunque piloti e assistenti di volo impiegati su tutto il territorio nazionale, con la sola eccezione dei lavoratori che si occuperanno dei voli provenienti e diretti verso gli aeroporti di Bologna e Venezia. Sono poi stati confermati anche i voli charter che dovranno atterrare nelle isole, sempre che siano stati autorizzati prima dell’effettiva proclamazione dello sciopero.

Come si legge nel comunicato stampa diffuso da Anpac, lo sciopero è stato indetto dopo avere riscontrato “la mancanza di risposte concrete alle legittime istanze dei colleghi CityLiner che hanno il diritto, sancito dagli accordi contrattuali, di ottenere una corretta omogeneizzazione del loro sistema retributivo con quello dei colleghi di Alitalia” e “il rifiuto aziendale di mettere nero su bianco l’impegno a mantenere i livelli occupazionali del Personale Navigante al termine della SOD.

A preoccupare i lavoratori, infatti, è la possibilità definita “matematica” che senza un incremento adeguato dei voli a lungo raggio circa un migliaio di piloti e di assistenti di volo Alitalia possano trovarsi senza lavoro nel 2016. Viene denunciata anche la pratica del “wet lease”, ovvero del noleggio di mezzi con tanto di prestazioni incluse (e quindi comprendenti anche l’impiego di un equipaggio di compagnie terze), e la decisione di ridurre anche le attività a medio raggio.

Anpac riconosce gli sparuti “oggettivi passi in avanti in termini di qualità di prodotto”, ma descrive le iniziative presi dalla nuova gestione di Alitalia come “troppo timide”, frutto di “una grande generosità di intenti” cui “non sembra corrispondere una chiara definizione della missione.”

Come sempre si consiglia di visitare il sito di Alitalia o dall’aeroporto da cui parte il volo desiderato per conoscere in tempo reale lo stato delle operazioni.