Brutte notizie per gli automobilisti. I gestori dei carburanti hanno confermato lo sciopero nazionale dei benzinai previsto per il 12-13 dicembre prossimi, che riguarderà sia la rete ordinaria che quella autostradale. Lo hanno reso noto pochi minuti fa Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc-Anisa Confcommercio, al termine dell’incontro con il sottosegretario allo Sviluppo Economico, Claudio De Vincenti.

Negli ultimi giorni si era fatta largo la speranza che la mobilitazione, proclamata lo scorso 21 novembre dagli stati generali dei gestori, potesse essere evitata grazie all’apertura di un tavolo di trattativa alla presenza del governo. L’oggetto del contendere, come hanno più volte detto i gestori stessi, è “la drammatica crisi strutturale che attraversa la distribuzione carburanti”: una crisi che sarebbe causata dalle compagnie petrolifere, colpevoli di aver disatteso gli impegni sottoscritti l’estate scorsa circa i rinnovi contrattuali coi distributori (photo by InfoPhoto) e l’utilizzo delle carte di credito. Evidentemente, la mediazione del governo non è servita a strappare quell’impegno concreto che i petrolieri, fino a questo momento, hanno promesso solo a parole.