Nei primi giorni del mese di maggio arriverà un nuovo sciopero dei benzinai. Ad essere interessata, però, sarà soltanto la rete autostradale poiché ad incrociare le braccia saranno i gestori delle stazioni di servizio che lavorano su quella tratta. Lo scioperò partirà dalle ore 22:00 di lunedì 4 maggio e si concluderà alle ore 22:00 di mercoledì 6 maggio. Ad aver aderito allo sciopero dei benzinai sono stati i sindacati del settore (Faib-Fegica-Anisa).

Quest’ennesimo sciopero dei benzinai è stato proclamato poiché, secondo i gestori, i Ministeri delle Infrastrutture e dei Trasporti e dello Sviluppo economico non avrebbero risposto alle richieste fatte durante gli scorsi mesi. In particolare, i benzinai recriminano i costi pretesti sulle vendite dei carburanti e sulla ristorazione, che in ultimo vanno a ricadere sui consumatori. I gestori recriminano il silenzio della politica, puntando il dito sulla sua soggezione verso gli interessi che fanno capo alle società concessionarie.

A nulla sembra sia valso dunque l’appello del Ministro delle Infrastrutture, Graziano Delrio, che aveva chiesto di non programmare scioperi durante le grandi manifestazioni. Lo sciopero dei benzinai andrà a svolgersi invece proprio nel corso dei primi giorni dell’Expo di Milano: una coincidenza che non è affatto ignota ai gestori delle sigle sindacali, che in una nota scrivono “Le organizzazioni di categoria annunciano di aver messo alla studio iniziative attive di protesta, da tenere nei giorni di sciopero. Coinvolta tutta la viabilità autostradale, anche quella nelle vicinanze della sede dell’Expo Milano“.