È la stessa Atac a segnalare il differimento dello sciopero mezzi pubblici a Roma del 13 gennaio, spostato invece al 26 dello stesso mese. La notizia è stata data prima attraverso un tweet e poi è stata riportata sul sito ufficiale dell’azienda pubblica.

La dimostrazione organizzata dal sindacato Orsa Tpl – che si occupa sopratutto di rappresentare i lavoratori delle linee della metropolitana A e B – è stata rinviata in seguito a una trattativa che ha portato a un accordo, con tanto di modifica all’orario in cui si fermerà il trasporto pubblico della capitale.

Lo sciopero interesserà dunque i lavoratori che aderiscono all’iniziativa e che si occupano delle corse dei bus, dei convogli della metropolitana e  dei treni delle ferrovie regionali Roma-Lido, Termini-Centocelle e Roma-Civitacastellana-Viterbo.

Inizialmente lo manifestazione del 13 gennaio avrebbe dovuto interessare la fascia oraria che va dalle 8.30 alle 12.30; in seguito alle modifiche lo stop è invece passato dalle 10.30 alle 14.30, garantendo così una maggiore disponibilità al mattino.

Salva dunque la giornata di domani, critica sopratutto per l’udienza del Papa a San Pietro, e rispettate anche le direttive della moratoria voluta dal governo di Matteo Renzi, visto che sono state evitate le date proibite del 19, 20 e 21 gennaio.