Non ci sarà anche lo sciopero del trasporto locale a complicare la vita degli italiani, questa settimana. L’agitazione, originariamente in programma per il 14 dicembre, appena un giorno dopo la 48 ore senza carburanti per la protesta dei benzinai di martedì e mercoledì prossimo, è stata rinviata all’8 febbraio 2013. La decisione è stata presa dai sindacati Filt-Cgil, Fit-Cisl, UilTrasporti, UglTrasporti, FaisaCisal per permettere il proseguimento del tavolo di confronto iniziato lo scorso 8 novembre tra governo e associazioni di categoria. Solo dieci giorni fa l’ultima protesta a livello nazionale e un mese fa quella a livello europeo.

Autobus, treni, tram e metro (foto Infophoto) dunque venerdì circoleranno regolarmente per permettere la trattativa sulla vertenza in atto tra ministero del Lavoro, Infrastrutture e dei Trasporti, Economia e Finanze, Conferenza delle Regioni e, ovviamente, associazioni e organizzazioni sindacali. A convincere i rappresentanti dei lavoratori, l’istituzione di un fondo nazionale per il Tpl, la destinazione “blindata” delle risorse per il trasporto e la definizione di una progressività dell’incremento tra ricavi da traffico e costi operativi. Numerosi, però, ancora i punti su cui manca ancora l’accordo come la rimodulazione dei servizi a domanda debole.