L’8 marzo sarà una giornata nera per i trasporti pubblici di Milano. Ventuno ore di stop per i treni, dodici per i mezzi del trasporto pubblico e per il comparto aereo (che aderirà a ben tre scioperi, tutti nella stessa giornata). Il motivo? Uno sciopero indetto da Usi e Usb che promette una vera e propria paralisi del trasporto pubblico. Disagi ci saranno per i mezzi Atm, dagli autobus alle metropolitane fino ai tram. A rischio le corse dalle 8.45 alle 15 e dalle 18 fino al termine del servizio.

Disagi per i treni

Sciopera anche Trenord:

Usb, Usi e Cobas unitamente a Orsa Ferrovie e Cub Trasporti hanno proclamato uno sciopero da mezzanotte alle ore 21.00. Il servizio regionale, suburbano, aeroportuale, così come la lunga percorrenza di Trenord potrebbero subire ritardi, variazioni e cancellazioni.

I treni rispetteranno solo le fasce di garanzia: 6-9 e 18-21.

Caos negli aeroporti, sciopera anche Italo

Anche Trenitalia e persino Italo (visto che aderisce la società Nuovo trasporto viaggiatori) aderiranno allo sciopero. Alcuni treni, comunque, saranno garantiti.

Per quanto riguarda gli aerei, invece, sono previsti tre diversi scioperi che coinvolgeranno i dipendenti Enav e il personale del gruppo Alitalia Sai. A protestare, infine, anche i tassisti che dovrebbero fermarsi dalle 8 alle 22.