Lo sciopero organizzato dall’Unione sindacale di base per oggi 8 aprile 2013 è stato confermato: i mezzi pubblici di varie città italiane si fermeranno per alcune ore in fasce orarie differenti da località a località.

Lo stop , si legge in una nota scritta dalla sigla sindacale, “è indetta per il rinnovo del Contratto Nazionale, scaduto da oltre 5 anni; contro lo smantellamento del Trasporto Pubblico Locale, con le pesanti ricadute su dipendenti e cittadini; contro il sistematico smantellamento delle normative, dei diritti e dell’occupazione e contro gli accordi sulla flessibilità; contro una politica dei redditi, sostenuta dalla concertazione sindacale, che anno dopo anno ha prodotto una perdita del potere d’acquisto degli stipendi di almeno il 17,9%; per una politica salariale che metta fine all’impoverimento dei lavoratori; per un rilancio complessivo del Trasporto Pubblico Locale, affinché le risorse siano utilizzate per il miglioramento del servizio e non per ripianare i debiti creati dalle aziende attraverso una cattiva gestione; per sconfiggere la concertazione sindacale che, al massimo rallenta gli effetti rovinosi delle scelte neoliberiste senza impedire l’arretramento dei livelli di tutela dei lavoratori”.

Le fasce orarie della manifestazione cambiano di città in città, vediamo come nel dettaglio:

- a Roma l’Atac si ferma dalle ore 20.00 alle 24.00;

- a Torino il trasporto pubblico Gtt ha annunciato che i suoi mezzi si fermeranno tutta la giornata, ovvero 24 ore;

- a Bologna problemi ai servizi Tper dalle ore 9 alle ore 13;

- a Firenze l’azienda Ataf prevede lo stop dalle 23.00 fino alla fine del servizio;

- a Napoli l’Anm è ferma dalle 9 alle 13

- a Milanoper Atm, l’agitazione è prevista dalle 19 alle 22.

photo credit: giokai421 via photopin cc